riscaldare la casa per l’inverno

Riscaldare la casa per l’inverno, risparmiando.

Postato da: area-re il: 25 Ott 2017

Con l’arrivo del freddo e dell’umidità, è sempre più utile trovare dei modi per riscaldare la casa per l’inverno, velocemente, e cercare di mantenere le stanze calde il più possibile. La prima cosa che facciamo, di solito, è accendere il riscaldamento, ma spesso non basta.

 

Ecco quindi alcuni consigli per evitare di ritrovarsi, durante l’inverno, a battere i denti sul divano, e allo stesso tempo risparmiare energia, con grande beneficio per le nostre bollette.

Programmazione

Se avete il riscaldamento centralizzato, utilizzate le valvole termostatiche presenti sui vostri termosifoni. Spegnetele nel momento in cui la stanza avrà raggiunto la temperatura desiderata. Se avete invece il riscaldamento autonomo programmatelo in modo tale che si accenda un po’ prima del vostro risveglio al mattino. Bastano 30 minuti in anticipo per garantirvi un inizio giornata senza brividi, oppure mezz’ora prima del vostro ritorno a casa. Evitando così di accenderlo di corsa alla massima temperatura al momento del bisogno, o tenerlo acceso quando non si è in casa.

No spifferi e dispersioni

Una volta che la casa ha raggiunto la temperatura ideale è importante evitare la dispersione del calore. Utilizzate i paraspifferi da sistemare sul bordo inferiore delle finestre e delle porte: li potete acquistare, ne esistono di varie forme e colori oppure realizzarli utilizzando indumenti vecchi o spaiati da riempire con stoffa, sabbia o cotone. Funzioneranno alla perfezione.

Libera i termosifoni

Al fine di riscaldare la casa per l’inverno, un’azione importante è lasciare i caloriferi liberi. Può sembrare scontato ma non lo è. Quante volte teniamo i nostri termosifoni coperti da tende, mobili o indumenti?   Ricordate poi di mantenere la temperatura tra i 18°C e i 20°C evitando però che si secchi l’aria: posizionate un umidificatore su ogni calorifero.

Chiudi le tende

Il giorno lasciate che il sole inondi la casa di luce e calore. L’ideale è a aprire tutte le finestre per pochi minuti e non una sola finestra per molto tempo. Così facendo favorite il ricircolo dell’aria più rapido, evitando inoltre che mura e mobili si raffreddino. E durante la sera, un modo per evitare la dispersione di calore, è di abbassare le tapparelle e chiudere le tende. Nel caso in cui la zona dove abitate è particolarmente umida potreste utilizzare delle tende esterne impermeabili che fungeranno da schermo contro freddo e umidità.

Sostituisci gli infissi

Se gli infissi sono datati o danneggiati il consiglio è quello di sostituirli con dei nuovi, più isolanti e creati apposta per evitare la dispersione del calore. La spesa iniziale può essere anche alta, ma verrà totalmente ammortizzata dalle spese in bolletta successive, le quali risulteranno sicuramente più basse. Inoltre, scegliendo dei nuovi infissi si potrà beneficiare anche di consistenti agevolazioni fiscali.

Commenta